Il cibo e l’estate

 

Nel mese delle messi cerca la bellezza e trova l’Amore

L’estate sta finendo e il passaggio di stagione ci porta a riflettere. Tutto è in trasformazione e presto noteremo che anche dentro di noi qualcosa sta cambiando. Per portare chiarezza inserisci nella tua dieta le acque profumate e i germogli di alfa-alfa, cibi morbidi, dolci poco dolci, e pensa a te come un prolungamento della Terra, ciò che fai a te lo fai a Lei e viceversa. Accedi al tuo cuore e sentiti figlio di Madre Terra, dal tuo benessere dipende il mio e dal Suo quello di tutti noi!

Il mese delle messi è posto sotto il segno della Vergine che indica la via dell’introspezione, del discernimento e della cura. Il pianeta che ci ospita lo abbiamo vissuto dimenticandoci di ieri come se non esistesse un domani, e ora mi chiedo: cosa posso fare per Madre Terra che ogni giorno ci sostiene con la sua abbondanza e bellezza? Ognuno può fare la propria parte cercando di fare del proprio meglio.

fetta di anguria per rammetare l'estate

L’anguria è simbolo dell’estate

Quando vedo rifiuti gettati bordo strada, cicche spente e seppellite con indifferenza in spiaggia, miriadi di bottigliette usa e getta comprate e buttate come se il pianeta fosse di qualchedun altro.. una stretta mi prende alla gola! Com’è successo che siamo diventati i più grandi produttori di rifiuti e perlopiù ciechi nei confronti di ciò che consumiamo? Abbiamo sporcato e depredato i mari, alcuni pesci scompaiono di giorno in giorno e le meduse pullulano, addirittura abbiamo inquinato le falde acquifere, abbiamo abbattuto intere foreste per far posto ad inutili culture , con l’ intensivo alcuni frutti e verdure son tutt’altro che salutari, abbiamo cresciuto animali come fossero oggetti, usati a livello industriale dimenticando che son esseri senzienti e non ci preoccupiamo se cibarcene sia dannoso o meno.. abbiamo riempito i supermercati di veri falsi cibi dimenticando che il cibo è innanzitutto Vita!

Parlo a te, a te che leggi, te lo chiedo per amor della mia amata Madre Terra, poniti delle domande, comincia a chiederti cosa c’è dietro ogni cosa che compri, ogni cibo che consumi, dietro ogni cosa che getti via, dove va a finire? Cosa è servito per produrlo? Dove è stato stoccato? Quante vite è costato? Quali conseguenze ha? Chi lo ha raccolto, prodotto? Porta in sé vitalità? Nel cibarsi occorre tener conto della sostenibilità e della precisione della cara vecchia legge di causa-effetto che da sempre accompagna la Creazione, ad ogni Azione corrisponde una reazione..

Sperimenta sempre e abbi cura di te, un abbraccio di cuore.

Leggi il mio libro: “L’Erbana una Selvatica in Cucina”

Articolo scritto per il mensile Vivere sostenibile, pubblicato nel numero di agosto 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *