Riciclo, riuso e bellezza

Riciclo e riuso per creare bellezza.

Il riciclo è una cosa seria e due ragazze si son strolgate un modo meraviglioso per metterlo in atto.

Se stai leggendo questa pagina  son certa ti sta a cuore il bene di Madre Terra, grande esempio di connessione tra Tutto ciò che esiste, e sai che la Creazione è sostenuta dall’armonia e dalla bellezza.Distaccandoci da Lei ci siamo persi e son stati fatti danni… Ad oggi molti di noi stanno sentendo che è ora di cambiare, e anche se non ci è chiesto di salvare il mondo, o meglio non da soli e non a noi soli, ognuno può fare la sua parte, anche partendo dal concetto di bellezza.

Magma crea gioielli riciclando

Dal riciclo i gioielli di Magma

“MAGMA ” a Bologna è un laboratorio dallo spirito green, dove due giovani donne prendono materiali di uso quotidiano, li astraggono dalla loro funzione primaria, e li reinterpretano attraverso accostamenti e lavorazioni originali, con un’attenzione particolare all’up-cycling. Creano bellezza col pet!!!

Pezzi unici per arredare o da indossare, piccoli oggetti preziosi, che pur arrivando da un’opera di riciclo, fanno onore a Madre Terra. Nelle mani di Caterina (diplomata in Belle Arti, oggi artista/ artigiana, grafica e web-designer) e Gaia (artista/artigiana con laurea in psicologia e diploma di Sommelier) la materia si trasforma e si permea di nuova vita grazie alla realizzazione di gioielli contemporanei. Le conosco da diversi anni e posso affermare che le loro opere sono davvero un inno alla gioia e alla bellezza del femminile! La loro collezione d’avanguardia si chiama “AQUAMADRE” , modelli esclusivi dal design e stile non convenzionale. La lavorazione innovativa di un materiale che gioca con trasparenze e colori, leggerezza e resistenza, conferisce a questi gioielli peculiarità tecniche ed estetiche che li rendono singolari. E io li adorooooo!!

Vi è grandezza nelle capacità di cui spesso l’animo femminile si può vantare! Evviva l’Estro creativo!

Sperimentate sempre e abbiate cura di voi. Un abbraccio dall’Erbana

www.magmala.org
https://www.facebook.com/magmabologna

Il PET – polietilentereftalato – è un materiale termoplastico trasparente, utilizzato sin dal 1973 per la realizzazione di contenitori per bevande e alimenti, le cui peculiarità ne hanno intensificato la distribuzione e consolidato l’utilizzo nella nostra quotidianità, producendo un notevole impatto sull’ambiente in fase di produzione e in fase di smaltimento.

Diamo i numeri:
– solo in Italia si utilizzano circa 350mila tonnellate di PET l’anno, per un consumo di circa 700mila tonnellate di petrolio e l’emissione di quasi 1.000.000 di tonnellate di CO2
– per produrre1 kg di PET, ossia 25 bottiglie da 1,5 litri, (37,5 litri complessivi), si consumano 2 kg di petrolio e 17,5 litri d’acqua, il che significa che per produrre il numero di bottiglie necessarie a contenere 37,5 litri d’acqua, in fase di produzione si consuma un quantitativo d’acqua pari alla metà di quella che può essere contenuta dalle bottiglie prodotte.
– solo un terzo delle bottiglie prodotte viene riciclato, il resto finisce in discarica o nell’inceneritore. il PET risulta essere materiale adatto per essere riciclato e…reinventato.

Articolo scritto per il mensile vivere Sostenibile, pubblicato nel numero di maggio 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *