I Cocchini di Annisha

Questo dolce mi è stato donato da una cara amica suonatrice di sitar che ha accompagnato i miei begl’anni dell’adolescenza quando frequentavo un gruppo di yoga che si trovava spesso a far baldoria nel quel di Reggio Emilia. Conservo questa ricetta con grande amore e riconoscenza, è un dolcetto facile e meravigliosamente buono. È un dolce da cerimonia, da grandi condivisioni, da dono di cuore. Versate  a pioggia  125 gr di semolino in un litro di acqua che avete  portato a bollore, mescolate aiutandovi con una frusta per evitare che si formino grumi. Fate cuocete per 20’ facendo  attenzione perchè questa polentina cuocendo crea delle bolle che scoppiano, e bruciarsi ai fornelli è sempre fastidiosissimo. A cottura ultimata togliete dal fuoco e  lasciate raffreddare il composto. Quando sarà raffreddato aromatizzatelo con 12 bacche di cardamomo tritate finemente  e condite con 3 cucchiai di miele di acacia e un paio di cucchiai di zucchero di canna chiaro, poi unitevi 250 gr di cocco bio in scaglie(quello bio non sa di sapone ). Aggiungete due belle manciate di uvetta e impastate bene. Lasciate riposare l’impasto in frigo per 24 ore, l’impasto prenderà consistenza, profumo e accentuerà il suo sapore dolcemente aromatico. Formare delle palle che rotolerete ne cocco e che poi disporrete  per la lunga in un bel piatto da portata. Cospargete con delle piccole roselline secche sbriciolate e guarnite con fiori di Siliquastro o roselline secche.

Piatto goloso, prezioso e profumato.

 

per info sul Siliqastro vai nella pagina dell’erbario dell’Erbana    http://www.beatricecalia.it/2017/04/29/siliquastrum/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *