Il Gomasio

Il prezioso gomasio è un grande aiuto, vi invito a conoscerlo e a usarlo.

Il gomasio è un condimento tostato a base di sesamo e sale.

E’ un “alimento” molto importante da introdurre nella nostra alimentazione quotidiana.

I semi di sesamo sono molto ricchi di calcio e contengono alte quantità di ferro, magnesio,silicio, fosforo , vit A e vitamine del gruppo B. Sono efficaci antiossidanti, utili per combattere l’invecchiamento, lo stress, la fatica fisica e mentale, la depressione e l’esaurimento. Sono la base del gomasio e della tahina.

Gomasio in preparazione

Oltre ad avere un buon sapore e un ottimo profumo nocciolato, aiuta la digestione e rafforza l’organismo aiutandolo a prevenire le malattie. Rimineralizzante e depurativo, rafforza il sistema immunitario ed è anti radicali liberi. Usato in menopausa preserva dalla demineralizzazione.

Lo si può acquistare già pronto nei negozi di alimenti biologici, lo vendono semplice o alle alghe, ma è anche molto facile e divertente prepararselo da soli e divertirsi nelle composizioni.

Le ricette per la sua preparazione sono tante e anche le proporzioni tra gli ingredienti.

Vi mostro la mia ricetta, voi creerete la vostra a gusto e piacere.

Preparate 20-22 cucchiaini colmi di semi di sesamo biologico (quello che vendono nei vari supermercati è stato privato di tutto e, ve ne accorgete dal colorino chiaro e dalla delicatezza sei semini, il sesamo è un chicco forte e resistente, di colore paglierino e costa relativamente poco se confrontato con il costo dei vasetti di spezie che potreste trovare sugli scaffali dei supermercati) e 1 cucchiaino raso di sale marino integrale.

Lavate il sesamo e fatelo sgocciolare bene, poi tostatelo in una padella asciutta a fiamma medio- bassa. Scuotere di tanto in tanto la padella, finchè i semi saranno uniformemente tostati e cominceranno a sprigionare un profumo fragrante, alcuni semini cominceranno a saltellare sulla padella rovente. Togliete i semi dalla padella per evitare che brucino e lasciateli raffreddare.

Allo stesso modo tostate il sale per qualche minuto. Versate il sale nel mortaio apposito detto “suribachi” e pestatelo fino a ridurlo in una polvere finissima. Aggiungete al sale il sesamo e schiacciate il tutto, esercitando una pressione circolare col pestello fino a che avrete sminuzzato all’incirca l’80% dei semi.

Conservate il gomasio in un vasetto di vetro a chiusura ermetica. Usate questo condimento a cucchiaini su verdure e cereali. È golosissimo.

Potreste provarlo per avvolgere i golosissimi Dolcetti dell’amicizia  , così saranno dolci-salato. ummm.

Volendo, il gomasio, lo si può arricchire con alghe tritate, curcuma o polvere d’equiseto, ortica e piantaggine.

L’ortica  è uno dei migliori ricostituenti naturali per anemici e difende l’organismo dall’ influenza. È ricca di clorofilla, ferro, silice, magnesio, potassio e azoto. Utile per rimineralizzare. Rafforza i capelli e i tessuti, porta energia, stimola e dona coraggio. Una buona compagna in tavola e in cucina.

L’equiseto è un fossile vivente, cresce dove c’è acqua. Contiene molti minerali, soprattutto silice che il nostro corpo trasmuterà in calcio. Va benissimo perla cura dell’osteoporosi e per i bambini che crescono. Partecipa alla costituzione del collagene, dà tono e cura la fragilità ossea. Ha anche un’azione antisettica.

La piantaggine  possiede un potenziale nutritivo straordinario che potrebbe aiutare le persone in situazioni difficili. Utilissima in caso di lesioni cutanee, piaghe, ferite, abrasioni, screpolature, morsi di insetti. Utilizzata per la preparazione di sciroppi per calmare la tosse e per sciogliere il catarro. Ottima in cucina.

Sbizzarritevi. Sperimentate sempre e abbiate cura di voi che siete l’ingrediente fondamentale della vita.

Un abbraccio dall’Erbana, una selvatica in cucina.

:-) articolo scritto per Vivere Sostenibile di settembre

Mio articolo inserito nel giornale Vivere Sostenibile

Un commento:

  1. ti voglio bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *